dimanche 25 juin 2017

La lingua batte, dove il dente vuole

Sto diventando francese, lo pensavo recentemente, e questa è una questione che parte da lontano. Dunque, tempo fa mi trovavo a Parigi, ero lì, solo, nella VilleLumière e cercavo la via in cui avevo trovato alloggio, fermo un paio di persone per strada, chiedo e nessuno la conosce, anzi mi guardano smarriti, possibile? Allora scrivo il nome della strada su un foglietto  Rue de l'Abbé-Rousselot - quindi fermo una signora e le faccio vedere il biglietto, lei sorride e mi indica una traversa a pochi metri da dove mi trovavo, vai a destra e poi a sinistra, poi pronuncia il nome della strada, che era differente da come lo pronunciavo io, ma non molto differente.

A questo punto sono giunto a tre conclusioni:
1) i francesi sono stupidi, se gli dici Russelò anziché Rousselot non hanno l'organizzazione mentale per capire e gestire la differenza fonetica, quindi vanno in panico, ammutoliscono e guardano nel vuoto.
2) i francesi sono tutti membri del corrispettivo francofono dell'Accademia della Crusca e per questo impegnati, in modo didattico estremo, nella divulgazione del VERO francese, che senza di loro rischia di scomparire, o comunque imbastardirsi.
3) c'è anche un terzo motivo che vuole i francesi tutti stronzi, ma sono ottimista e mi piace pensare che solo la metà di essi lo sia.

Va anche detto che se uno impara a parlare perfettamente il francese a Nizza e poi va a Parigi viene accolto esattamente come un napoletano a Milano, (noio volevan, volevon savuar) per cui le opzioni uno, due e tre sono tutte vere.
Un'altra questione che manda in sbattimento i francesi sono gli accenti nella scrittura, per semplicità gli italiani li hanno quasi eliminati, i francesi che sono puntigliosi, invece li mantengono tutti e guai a scambiare un accento grave con un accento acuto; gente che ci va in sbattimento. Ma a loro difesa devo dire che se siete in full immersion ed avete voglia di imparare in fretta, i parigini sono perfetti insegnanti, a patto di non essere permalosi ed avere buona memoria.

Ebbene da qualche tempo a questa parte pure io ho iniziato a (far finta di) non capire chi blatera l'italiano, non saprei per quale delle tre opzioni, (sospetto la terza) non saprei nemmeno a cosa sia dovuto questo atteggiamento, riesco perfino ad indispormi quando sento parlare la lingua italiana con le parole storpiate, mozze o eccessivamente dialettali, pur non partecipando alle sedute dell'Accademia.

Il problema si pone quando sento parlare l'italiano da un italiano, per lo straniero non ho ancora sviluppato alcuna idiosincrasia, nemmeno a correzione automatica, probabilmente perché lo trovo legittimato a storpiare le parole e le pronunce, ma un italiano che bofonchia la lingua, come se avesse i fagioli in bocca... e dico... almeno alla scuola dell'obbligo qualcosa avrà imparato?

Quindi sto tollerando poco quelli che parlano come Mami di Via col vento, che dicono:  lo vojo pè mì moje, annamo, vedemose, penZavo, liBBro, chettedevodadì, se beo, mea belin anemmu, e robe così. Se ne sentono ogni giorno, per strada, ma anche alla televisione o peggio... dette dagli speaker radiofonici, nelle interviste, dai politici, dai calciatori, nei talent, sui social, gente che per il lavoro che svolge dovrebbe fare un corso di dizione e invece te li trovi ad esprimersi come fossero al bar biliardo del paese.

Quindi mi chiedo: ma la pronuncia, che fine ha fatto? perché si deve accettare che interi discorsi vengano fatti con parole tronche, con calate dialettali che ci riportano indietro di cento anni... altro che l'inglese nelle scuole elementari, ci sono istituti che rivalutano il dialetto come fosse una risorsa per il futuro. io lo trovo inaccettabile anche in famiglia, figurarsi sui media o peggio a scuola.

Quindi ho deciso, se mi parlano in questo modo, farò orecchio da mercante come i francesi: pardon?



dimanche 18 juin 2017

Notizie dal paese dei Minus Habens

L'altra mattina il vicino di sotto, che già mi sta sul cazzo per tutta una serie di motivi, ha passato una buona mezz'ora a sgasare con l'auto nuova, fermo nel posteggio con le 4 portiere aperte e in faccia un sorriso da ebete, ha appestato l'aria e rotto i coglioni a mezzo palazzo, si è esibito in questo patetico teatrino destinato al figlioletto di 5 anni, che ad ogni sgasata rideva divertito e correva attorno alla macchina. Poteva portarlo al parco qui vicino, mezz'ora nel verde, oppure fare una passeggiatina sul corso dove c'era il sole e invece no, mezz'ora in cortile e poi di nuovo chiuso in casa per il resto del pomeriggio, perchè mamma deve fare le pulizie e lui sul divano a guardare lo sport in tv. Mi sono chiesto che ne sarà di questo bimbo, con una nonna che gli fa vedere come si uccide un piccolo di piccione caduto dal nido con la scopa ed un padre che lo balocca nei fumi di scarico dell'auto, mentre la madre prepara il pranzo. E mi è venuto uno sconforto infinito, siamo una nazione senza speranze per il futuro, poi ad aggiungere danno al danno ho trovato l'analisi nazionale di Vittorino Andreoli... giusto se ci fosse stato bisogno del colpo di grazia.
Esagero? forse un po', ma posso assicurarvi che di notizie come questa ne è pieno il web.

dimanche 11 juin 2017

Irragionevoli ragioni

Dunque... me ne stavo lì all'Ikea e scendevo la scala, quella che dall'esposizione porta sotto, nel labirinto delle piccole cose, da dove non esci se non hai preso almeno un sacchetto di candeline profumate. L'esistenza dell'ascensore l'ho scoperta da poco, sarà che un ascensore a scendere non lo vedo molto utile, quindi mi lancio dalle scale, così supero una coppia di attempati, e lei dice al marito: guarda che belli da portare al cimitero! Indicando i fiori che ornavano la balaustra.
No dico, ma ti pare che il primo pensiero vedendo dei bei fiori finti sia il cimitero, dove per altro non li vedrà nessuno, ok le tombe sono il posto perfetto per dei fiori finti, però che palle!
Dopo questo commento tutta la magia che mi prende quando vado all'Ikea era sparita; perché comprare qualcosa da Ikea, fosse anche solo uno scolapasta di plastica, mi fa sentire immediatamente svedese, come vivessi a Stoccolma da una vita, in quelle case con i tetti a punta e le finestre senza persiane, in una di quelle camere che si vedono su Airbnb, tutte bianche e legno. Chissà quante romantiche massaie svedesi avranno comprato quelle gerbere arancioni per portarsele in casa, e questa pensa a portarli al cimitero.
VecchiaStronza.
Per fortuna al reparto biancheria, con il suo immancabile quadernetto nero e la matita, c'era la Marzia, una di quelle persone che riescono a sistemare una giornata storta a chiunque, e con un sorriso ti riaccordano con il mondo; persone rare che non amo frequentare troppo, penso perché poi finirei per invidiarle. Ma ieri ci voleva proprio.

dimanche 4 juin 2017

Perché in Svizzera?

«La burocrazia è più semplice, ma non è solo questo. Puoi lavorare a stretto contatto con enti e istituzioni: basta inviare una email, alzare il telefono e hai interlocutori validi con cui parlare. E poi il mercato del lavoro, la maggiore flessibilità che ti offre la possibilità di mettere in squadra i migliori talenti e gestire il team in modo meritocratico».

Non credo ci sia da commentare oltre, queste sono le parole di un imprenditore genovese che ha fatto la scelta estrema, andarsene da Genova. Mi capita sempre più spesso di imbattermi in situazioni in cui la soluzione pensata per risolvere un problema o per migliorare un'attività lavorativa si scontra con una regola istituzionale che la contrasta, la limita o ne annulla l'efficacia economica. 
Quindi una vocina dello StatoNemico dice: ennò! Non si può, la legge impone, il regolamento comunale proibisce, una direttiva del ministero implica, obbliga, cautela, insomma c'è sempre una menata che ostacola. 
I comuni sono principi nel produrre scocciature gratuite ai cittadini, norme d'igiene, certificazioni, direttive europee che non si sa come vengono sempre interpretate in maniera restrittiva, a cui fa seguito una modulistica complessa e spesso ridondante, che è possibile inviare solo per Posta elettronica certificata, per raccomandata con ricevuta di ritorno, per mezzo di una qualche associazione che per farlo si pretenderà dei soldi, aumentando di fatto costi e tempi, per altro già dilatati dall'inefficienza degli uffici pubblici. Questo mi irrita perché è sempre più evidente come il motto: la legge ai nemici si applica, con gli amici si interpreta, appare sempre più veritiero. Questo fa sospettare che ci sia un gusto occulto delle amministrazioni pubbliche nel tormentare le persone con disposizioni al limite del ragionevole, controlli, appostamenti. Inutile dire che quando trovo conferme di ciò rimango amaramente sconfortato, salvo poi compiacermi perchè qualcuno ha ancora il coraggio di dichiarare che il sistema non funziona e fa scappare le imprese. Ma a quanto pare è proprio questo che vogliono ottenere, quelli intelligenti, che potrebbero procurare fastidi se ne vadano pure, i babbei invece rimangano e si facciano pelare a dovere.
L'ultima dimostrazione l'ho trovata nell'intervista di una start up locale, un'impresa di giovani laureati che per crescere ha dovuto trasferirsi in Svizzera, non per sua scelta, ma per suggerimento dei finanziatori. Perché? Leggi certe, burocrazia più semplice e affidabile, la solfa è sempre la stessa, da anni, e non c'è inversione di tendenza, non ci provano neanche a Roma a capire cosa sia possibile fare. Poi la sede operativa dell'azienda è stata trasferita a Milano, su richiesta dei lavoratori stessi e per comodo dei clienti, in quanto a Genova i collegamenti tra città ed aeroporto sono così ridicoli da far desistere ogni uomo d'affari paziente e ragionevole. Questa cosa mi è nuova ma la sento spesso, ed inevitabilmente mi preoccupo.
A mio parere basterebbero un paio di questi articoli per far dimettere tutti, gli amministratori locali, politici e burocrati, tutti quanti, a casa, e vaffanculo. Una pletora di imbecilli, incapaci e corrotti, che riescono con i loro comportamenti a complicare procedure semplici, a far affondare servizi ed infrastrutture, che diversamente potrebbero funzionare, aumentando costi di gestione e di fatto peggiorando la qualità della vita dei cittadini, tutto questo senza responsabilità alcuna, a mani pulite e coscienze linde, ma soprattutto nessun responsabile certo, nessuna indagine, nulla. Possibile che sia così facile farla franca? possibile che chi evade un caffè finisce alla gogna e chi sputtana soldi pubblici in opere inutili la passa sempre liscia?
Ma la cosa più sconfortante è che chi dovrebbe (o potrebbe) porre rimedio trova cavilli per non farlo, per lasciare tutto com'è, per puntare il dito su chi va via, deridendone la scelta, scomodando sentimentalismi patetici e rispolverando un amor patrio stantio.

dimanche 28 mai 2017

Veicolo autopropulso con più di due ruote, dotato di un piccolo vano interno

Daw ha preso l'auto nuova, l'ennesima. La prassi è tenerla un annetto, poi la restituisce al concessionario che la supervaluta, principalmente perché la conserva in garage e la usa poco.
Questa nuova è rossa, (quella prima era blu) ed è l'unica cosa che riesco a ricordare, in quanto di auto non ci capisco e manco mi interessa farlo. Quando provo a collegare l'immagine di un modello ad una marca, poi dimentico, perché tenerli a mente lo vedo utile come sapere i nomi dei sette nani; potrebbero passare a prendermi con qualsiasi cosa, l'importante è che mi dicano il colore, in modo da poterla riconoscere quando arriva.

Gli interni puzzano di auto nuova, odore che mal sopporto sin dall'infanzia; sicuramente meglio di quelli dell'850 special di mio zio, in cui puntualmente mi veniva da vomitare dopo due curve, tuttavia cerco subito di aprire il finestrino per far entrare del sano smog cittadino, ma non si può, perché è tutto condizionato-climatizzato-filtrato e il finestrino aperto non serve, mi rassegno e chiudo la portiera facendo scomparire il rumore esterno. E' come stare in una navicella spaziale, tra volante e cruscotto ho contato una cinquantina di led e lucine di vario colore e con le forme più strane, a confronto un papiro egizio ha meno simboli. Poi ci sono luci nei posti più disparati, sotto allo specchietto retrovisore, sotto la portiera che quando apri vedi la strada, perfino nel cassettino dal cruscotto e una nello scomparto tra i due sedili, sui pedali, ovunque insomma.
Farsi dare un passaggio sta diventando sempre più simile ad un rapimento alieno.

Comunque mi ha stupito la quantità di cose che fa l'auto, innanzitutto segnala se c'è una portiera aperta, e se non hai allacciato la cintura, per questo non c'è un segnale acustico, ma su uno schermo compare l'immagine dell'auto in 3D vista dall'alto, e viene visualizzata in rosso quale portiera non si è chiusa; poi ci sono i sensori di parcheggio, una serie di onde gialle che se c'è un ostacolo mentre fai retromarcia lo individuano e lo segnalano con un bip. Questo davanti e dietro, che puoi evitarti pure l'amico che dice: vieni, vieni, vieni. Ok basta!!

I sedili sono comodi, pensati per viaggi molto lunghi, o per far dormire il passeggero, come stare in poltrona, ti avvolgono e quando l'auto fa le curve strette non scivoli di lato come accadeva nell'850 dello zio, ma noi lo facevamo apposta per divertirci. Questa non è proprio un'auto per far viaggiare i bambini. I vetri sono leggermente oscurati così fuori sembra sempre nuvolo, anche se è l'una del quindici agosto.

Poi c'è il rumore del motore, un rombo pieno, con una tonalità bassa; ho letto che è un effetto studiato apposta, una faccenda che senti solo dentro all'auto grazie alle casse dell'autoradio. Psicologia da casa automobilistica, come gli studi che fanno per il rumore di chiusura delle portiere, o l'odore degli interni, nulla viene lasciato al caso. Soprattutto se paghi molto. Mica puoi guidare una macchina che sferraglia come una diligenza e chiude gli sportelli come una scatola di biscotti.

Poi c'è la musica, finita l'epoca dei cd, l'autoradio è un tutto con il cruscotto, impossibile da rubare, ci carichi dentro con la chiavetta e lei te lo mostra, titolo ed autore, oppure la stazione radio, se la cerca e ci smanetti dal volante con il pollice opponibile; lo stesso che serve per collegare il bluetooth e rispondere al telefono, sempre dal volante. Succede tutto da lì, come con la play. E poi c'è il navigatore che ti parla, gentile, e dice: tra trenta metri svoltare a destra, tra duecento metri... ricalcolo...

Mentre ero distratto da tutta sta roba mi chiedevo: ma ci sarà ancora un'auto che entri e guidi e basta senza avere tutte queste menate? Per esempio a me piaceva un sacco quando Ste mi faceva guidare la sua due cavalli, con i finestrini che si aprivano a sportello e l'aria fredda che entrava dalla capote. Ecco, dentro un'auto così sarei a mio agio, non avrei troppe distrazioni, sarebbe un'auto facile da vivere, dove entri e butti le cose senza far troppe questioni, ci carichi le scatole dei libri, le valige, le borse della spesa, la cesta dei funghi, ci fai salire il cane buttando un telo sul sedile. Un'auto così è verace, immediata, senza lucine ammiccanti, senza vernici lucide e cromature, senza sedili vellutati che manco il salotto della nonna.

Ma pare che auto così non ne facciano più, perché adesso la gente vuole altro, vuole il comfort, si siede e non vuole pensare a quale strada farà, ma alla voce gentile che gliela indica, non si vuole girare a guardare il paracarro, c'è il sensore che lo segnala. Mi chiedo se sia possibile una via di mezzo, una semplificazione tra il geroglifico e il semplice cruscotto in lamiera.

Tuttavia al volante dell'auto rossa di Daw mi sentirei un'idiota, inadatto, fuori posto. Forse è per questo che Daw la usa poco e la tiene sempre in garage e poi la rivende subito.

dimanche 21 mai 2017

Composti in grado di provocare dipendenza fisica sono la nicotina, l’alcol, le benzodiazepine, i barbiturici, le anfetamine, gli oppiacei, la cocaina e i cannabinoidi.

L'altra sera sono stato invitato a cena da amici, (ora declassati a conoscenti), l'idea di passare una serata in compagnia non mi era particolarmente avversa, ma poi la storia ha preso al 'solita' piega... così il mio umore ha cominciato a risentirne, perché? forse perché è finita l'epoca della tolleranza a prescindere. Insomma basta con il sorvolare su tutto perché tanto siamo amici. Amici un cazzo!

La questione è sempre la stessa, con poche marginali varianti... la procedura prevede infatti che un paio di loro si facciano una canna prima di cenare, poi una a metà cena, e dopo un altro paio di canne a chiudere la serata. Solitamente sono indulgente su questa faccenda, ma ora la cosa inizia ad infastidirmi, perché se le prime volte era sporadica, adesso è diventata sistematica.
Manu è il più fastidioso, ogni volta la mena che deve smettere di farsi le canne, anzi esagera affermando che vuol smettere di fumare, a volte per farlo, prima di presentarsi a cena, butta via tutto, cartine, filtri, accendino, sigarette, busta del tabacco, cubetto e macinello; ma già alle undici le buone intenzioni così drasticamente percorse si infrangono, ed inizia a stressare i presenti, perché bisogna trovare un tabaccaio aperto per recuperare il buttato, compreso giro-pusher e ventello di fumo, quindi il dopocena si snoda tra – usciamo&non-usciamo - chi lo accompagna?, - andiamo tutti? - Ci dividiamo i compiti? il tutto nell'impellenza. Così mangiamo di fretta e ogni attenzione e discussione viene monopolizzata per fronteggiare l'emergenza 'cannabinoidi' che normalmente termina verso l'una di notte.

Dopo un paio di queste esibizioni ho pensato che la cosa poteva essere semplicemente risolta dicendo a Manu: caro, arrangiati e non ci rompere i coglioni!
Ma questa linea non è praticabile, perché 'siamo amici' e gli amici si vedono nel momento del bisogno; tuttavia se uno è un fesso e ogni volta rovina la serata agli altri, come la mettiamo?
Così tolleravo, ma ora mi sono fatto un paio di domande, non tanto di ordine legale, ma di ordine psichiatrico/comportamentale: posso proseguire a frequentare gente così? Chiaramente instabile, che arriva a fine serata talmente fumata che il giorno seguente nemmeno si ricorda chi c'era a cena e di cosa abbiamo parlato? Gente che da un certo orario in poi, ti guarda con un sorriso ebete e non sai bene se è felice di vederti oppure è fatta come un ciocco? 

No, non posso. 

Mi sono anche chiesto se era accettabile che fossi l'unico della combriccola a mal tollerare la situazione, anzi le situazioni, in quanto c'è anche un socio di minoranza, saltuario certo, ma c'è. Beh ho risolto che non posso, anche se la cosa non mi procura alcun tipo di danno diretto, tuttavia mi irrita, e mi espone a situazioni che non mi piacciono, in primis legalmente perseguibili, perché se ti ferma la pula mentre hai il ventello in tasca, vai a spiegare che era per il tuo amico testa di cazzo... insomma in questa situazione mi sento a disagio; così mi son detto: gli altri facciano pure quello che credono io, terminata la cena, me ne torno a casa. E così ho fatto mentre un paio di loro mi guardavano come una specie di giuda-traditore.

Non è tanto questione di essere perbenisti, ma è l'abuso in se a darmi fastidio, l'eccesso di qualsiasi cosa, la dipendenza che porta alla fretta, a sragionare, all'isteria, che siano alcool, sigarette, cibo, sesso... tutto quello che viene assunto con la frigna di -ah devo smettere – ma poi puntualmente non accade, mi fa pensare a gente instabile, insicura, inaffidabile, I drogati non mi sono mai piaciuti, a cominciare dai primi che ho conosciuto ai tempi delle medie, a seguire tutti gli altri in varia gradazione, perfino la segretaria che scassa il cazzo perché beve troppi caffè e le viene la tachicardia, la gastrite e non so che altro, però continua a farlo ed a lamentarsi, perfino questo mi irrita, figurarsi...

La definizione di drogato a mio avviso non comprende solamente chi fa uso di cocaina o eroina, o che fuma le leggere con abitudine o casualità; la cosa fastidiosa è l'abuso in se, l'eccesso incontrollato e la conseguente reprimenda (inefficace). A questo punto mi dico: le persone normali sono già così poche, quelle che utilizzano il cervello estremamente rare, e perché mai dovrei anche frequentare gente che oltre a dimostrare poca intelligenza si rincoglionisce e mi disturba?

dimanche 14 mai 2017

Il mare che spinge, la costa che stringe


Dice così la canzone, che pare ritagliata su quel tratto di sentiero, quello che lo percorri attaccandoti alla catena per non finire nell'orrido, e stai sospeso a picco sul mare. Siamo lì a camminare tra i pini ed i profumi mediterranei, e mi piace tutto, perfino l'odore delle pietre scaldate dal sole, la terra umida, la resina che ammicca dalla corteccia dei pini, le foglie secche dell'inverno; guardi su e sei in montagna, ti giri e c'è la scogliera, poi sotto mille gocce di luce negli occhi, il sole basso che rimbalza sulle onde, il profumo del mare che arriva portato dal vento, un gabbiano che passa veloce.
Un posto così è perfetto per star seduti ad aspettare il tramonto. Mi ero riproposto di fare belle foto, ma poi ho lasciato perdere, perché mentre ero lì a concentrarmi su cosa inquadrare, mi pareva di perdermi qualcosa di unico, che una vita è poca per un panorama come questo mi son detto. Così ho lasciato perdere pure il resto, che anche le parole davano fastidio, erano di troppo in quel pieno assoluto di profumi e silenzi.
Ho bisogno di queste coste, del mare sotto ai piedi mentre i capelli sono tra gli aghi dei pini, ne ho bisogno per pacificarmi con le cose, e poi stasera tutto avrà un sapore differente, un colore diverso, perfino le persone mi sembreranno simpatiche. Basta un giorno così e un mese di merda diventa splendido, al punto da ricordare solo quel singolo giorno, che ha lasciato il rosso del sole sulla pelle bianca dell'inverno. Possibile?