dimanche 21 mai 2017

Composti in grado di provocare dipendenza fisica sono la nicotina, l’alcol, le benzodiazepine, i barbiturici, le anfetamine, gli oppiacei, la cocaina e i cannabinoidi.

L'altra sera sono stato invitato a cena da amici, (ora declassati a conoscenti), l'idea di passare una serata in compagnia non mi era particolarmente avversa, ma poi la storia ha preso al 'solita' piega... così il mio umore ha cominciato a risentirne, perché? forse perché è finita l'epoca della tolleranza a prescindere. Insomma basta con il sorvolare su tutto perché tanto siamo amici. Amici un cazzo!

La questione è sempre la stessa, con poche marginali varianti... la procedura prevede infatti che un paio di loro si facciano una canna prima di cenare, poi una a metà cena, e dopo un altro paio di canne a chiudere la serata. Solitamente sono indulgente su questa faccenda, ma ora la cosa inizia ad infastidirmi, perché se le prime volte era sporadica, adesso è diventata sistematica.
Manu è il più fastidioso, ogni volta la mena che deve smettere di farsi le canne, anzi esagera affermando che vuol smettere di fumare, a volte per farlo, prima di presentarsi a cena, butta via tutto, cartine, filtri, accendino, sigarette, busta del tabacco, cubetto e macinello; ma già alle undici le buone intenzioni così drasticamente percorse si infrangono, ed inizia a stressare i presenti, perché bisogna trovare un tabaccaio aperto per recuperare il buttato, compreso giro-pusher e ventello di fumo, quindi il dopocena si snoda tra – usciamo&non-usciamo - chi lo accompagna?, - andiamo tutti? - Ci dividiamo i compiti? il tutto nell'impellenza. Così mangiamo di fretta e ogni attenzione e discussione viene monopolizzata per fronteggiare l'emergenza 'cannabinoidi' che normalmente termina verso l'una di notte.

Dopo un paio di queste esibizioni ho pensato che la cosa poteva essere semplicemente risolta dicendo a Manu: caro, arrangiati e non ci rompere i coglioni!
Ma questa linea non è praticabile, perché 'siamo amici' e gli amici si vedono nel momento del bisogno; tuttavia se uno è un fesso e ogni volta rovina la serata agli altri, come la mettiamo?
Così tolleravo, ma ora mi sono fatto un paio di domande, non tanto di ordine legale, ma di ordine psichiatrico/comportamentale: posso proseguire a frequentare gente così? Chiaramente instabile, che arriva a fine serata talmente fumata che il giorno seguente nemmeno si ricorda chi c'era a cena e di cosa abbiamo parlato? Gente che da un certo orario in poi, ti guarda con un sorriso ebete e non sai bene se è felice di vederti oppure è fatta come un ciocco? 

No, non posso. 

Mi sono anche chiesto se era accettabile che fossi l'unico della combriccola a mal tollerare la situazione, anzi le situazioni, in quanto c'è anche un socio di minoranza, saltuario certo, ma c'è. Beh ho risolto che non posso, anche se la cosa non mi procura alcun tipo di danno diretto, tuttavia mi irrita, e mi espone a situazioni che non mi piacciono, in primis legalmente perseguibili, perché se ti ferma la pula mentre hai il ventello in tasca, vai a spiegare che era per il tuo amico testa di cazzo... insomma in questa situazione mi sento a disagio; così mi son detto: gli altri facciano pure quello che credono io, terminata la cena, me ne torno a casa. E così ho fatto mentre un paio di loro mi guardavano come una specie di giuda-traditore.

Non è tanto questione di essere perbenisti, ma è l'abuso in se a darmi fastidio, l'eccesso di qualsiasi cosa, la dipendenza che porta alla fretta, a sragionare, all'isteria, che siano alcool, sigarette, cibo, sesso... tutto quello che viene assunto con la frigna di -ah devo smettere – ma poi puntualmente non accade, mi fa pensare a gente instabile, insicura, inaffidabile, I drogati non mi sono mai piaciuti, a cominciare dai primi che ho conosciuto ai tempi delle medie, a seguire tutti gli altri in varia gradazione, perfino la segretaria che scassa il cazzo perché beve troppi caffè e le viene la tachicardia, la gastrite e non so che altro, però continua a farlo ed a lamentarsi, perfino questo mi irrita, figurarsi...

La definizione di drogato a mio avviso non comprende solamente chi fa uso di cocaina o eroina, o che fuma le leggere con abitudine o casualità; la cosa fastidiosa è l'abuso in se, l'eccesso incontrollato e la conseguente reprimenda (inefficace). A questo punto mi dico: le persone normali sono già così poche, quelle che utilizzano il cervello estremamente rare, e perché mai dovrei anche frequentare gente che oltre a dimostrare poca intelligenza si rincoglionisce e mi disturba?

dimanche 14 mai 2017

Il mare che spinge, la costa che stringe


Dice così la canzone, che pare ritagliata su quel tratto di sentiero, quello che lo percorri attaccandoti alla catena per non finire nell'orrido, e stai sospeso a picco sul mare. Siamo lì a camminare tra i pini ed i profumi mediterranei, e mi piace tutto, perfino l'odore delle pietre scaldate dal sole, la terra umida, la resina che ammicca dalla corteccia dei pini, le foglie secche dell'inverno; guardi su e sei in montagna, ti giri e c'è la scogliera, poi sotto mille gocce di luce negli occhi, il sole basso che rimbalza sulle onde, il profumo del mare che arriva portato dal vento, un gabbiano che passa veloce.
Un posto così è perfetto per star seduti ad aspettare il tramonto. Mi ero riproposto di fare belle foto, ma poi ho lasciato perdere, perché mentre ero lì a concentrarmi su cosa inquadrare, mi pareva di perdermi qualcosa di unico, che una vita è poca per un panorama come questo mi son detto. Così ho lasciato perdere pure il resto, che anche le parole davano fastidio, erano di troppo in quel pieno assoluto di profumi e silenzi.
Ho bisogno di queste coste, del mare sotto ai piedi mentre i capelli sono tra gli aghi dei pini, ne ho bisogno per pacificarmi con le cose, e poi stasera tutto avrà un sapore differente, un colore diverso, perfino le persone mi sembreranno simpatiche. Basta un giorno così e un mese di merda diventa splendido, al punto da ricordare solo quel singolo giorno, che ha lasciato il rosso del sole sulla pelle bianca dell'inverno. Possibile?

dimanche 7 mai 2017

Studenti Erasmus e dove trovarli

Sono pienamente cosciente che quanto sto per scrivere è da vecchio brontolone, però devo riconoscermi un merito, l'obiettività, perché se io a 21 anni mi fossi comportato nello stesso modo, i miei genitori mi avrebbero preso immediatamente a calci nel culo, ed anche senza coercizione educativa, sono sempre riuscito a 'desbelinarmi' degnamente ed in autonomia, con un vago senso di responsabilità che mi ha permesso di vivere in ambiente sano e degno; sarà che l'università me la sono passata a lavorare per pagarmi rette e libri e non avevo certo il tempo per attività marginali. Faccio questo preambolo perché da alcune settimane sto osservando la vita del nuovo inquilino, un ragazzetto Erasmus proveniente dal Brasile... e mi dico: se questo è l'esempio ed il modello di ventenne, i suoi genitori hanno sbagliato tutto.
Parto dalla sua giornata tipo: sveglia alle 16 - 16e30, colazione con patatine e cocacola/fanta/gazzosa o quello che è rimasto nel frigo dopo l'abbuffata della notte. Poi doccia, poi web, social come non ci fosse un domani, corsi on line? manco per l'anima, giochi on line di combattimento, su cui, mi spiega, ha investito anche dei soldi,; perché si sappia, queste trappole acchiappacitrulli funzionano alla perfezione. Si ferma alle ventidue per una specie di cena a base di cose-pronte-solo-da-scaldare, per il caso usa la padella in stile barbecue e poi la lascia incustodita sino al prossimo utilizzo; di lavarla non se ne parla, al massimo la si può riempire di acqua e detersivo se proprio la puzza di bruciato è troppo acre. Il tutto avviene in perenne connessione, youtube-whatsapp-skype, quindi cucina e caga telefonando o guardando i cartoni animati on line, su smartphone.
Poi ripresa del pc e del gioco, che essendo on line permette la comunicazione tra players, in brasiliano o inglese secondo i casi, durante la sessione, intere buste di caramelle gommose, annaffiate da cocacola, o birra, poi wafer o biscotti, spesso crackers al formaggio, panini pronti stile McDonald, e tutto ciò che può essere consumato semplicemente aprendo una busta di plastica.
La cosa prosegue per tutta la notte, complice il fuso orario e non saprei che altro, così si arriva alle cinque-sei del mattino, con seconda pausa doccia di tre quarti d'ora, occupazione nel bagno, per la gioia degli altri camerati che lo infamano sino a farlo uscire, poi a nanna e sono già le sette. 
E la giornata riprende alle quattro del pomeriggio; nessun'altra attività, pulire la camera o il bagno comune o la cucina non è contemplato, nemmeno il lavaggio dei vestiti, che resta confinato al tempo libero tra la posa della padella sul fornello e la carbonizzazione del suo contenuto. Vestiti che per altro vengono lasciati dentro la lavatrice sino a che l'odore ne consiglia un secondo lavaggio. A questo punto è chiaro che non c'è tempo per seguire le lezioni, e nemmeno per uscire di casa a vivere la città. Esce il tempo strettamente necessario per correre al supermercato più vicino, a fare rifornimento e tornare davanti al pc, tutto ciò telefonando a casa, o a chissà chi.
Mi sono interrogato se intervenire, ma poi ho risolto che non sono affari miei, tranne computare le spese ed eventuali danni, che vengono regolarmente pagate dai genitori del pargolo, che evidentemente largheggiano in pecunia, o forse stentano, ma si sacrificano pur di tener lontano da casa una simile rogna, e pagano anche quando le causali sono le più disparate. A me basta questo!
In fondo perché dovrei essere io quello destinato a rieducare la gallina dalle uova d'oro? quando posso trarre profitto. Sorrido, mostro bei modi, penso di avere a che fare con un babbo-di-minkia che dopo tre mesi in Italia non parla una sola parola di italiano e di 200 ore di lezione ne ha seguite si e no 4, e adesso è in disperata ricerca di un corso di italiano, perché non capendo le lezioni sarà rimbalzato agli esami, uno lo ha già fallito. Come farà a superare gli altri?
Non mi riguarda, però l'idea che mi sono fatto dell'Erasmus è che in Italia certi studenti, ci vengano come ultima spiaggia, e le università straniere mandino quelli più rimbambiti.

-----------------------------------------------------------

(*) Aggiornamento: alla fine non ho resistito e dopo l'ennesima gli ho dato l'out out, un mese di preavviso e poi fuori dai coglioni, che la stanza mi frutta di più per i turisti;
siccome non capiva (o faceva finta) sono riuscito a fare un bel discorsetto in inglese, a dimostrazione che nella necessità si impara qualsiasi lingua; peccato poi concludere con un you-have-broken-dick !!
a dimostrazione che la prima cosa che si impara di una lingua straniera sono le parolacce

dimanche 30 avril 2017

Della discrezione et altre faccende

Quando le persone si interessano troppo a ciò che fai, è certo che ti ruberanno l'idea. Questa cosa l'ho imparata a mie spese, quella volta in cui un amico mi chiese cosa stavo facendo ed io, ingenuamente, gli dissi che avevo fatto la selezione per diventare ufficiale censorio, lui schifò la questione, criticando il lavoro, i compensi e un sacco di altre cose, ma poi quando iniziò il corso di formazione me lo ritrovai accanto. Una cosa simile capitò ad un mio collega, era in metropolitana a Londra, e raccontò ad una ex collega di università incontrata per caso, che stava lavorando in un ufficio nella City, lei si mostrò distaccata e disinteressata, ma al lunedì seguente scoprì che non solo la tipa si era presentata per un colloquio nel suo ufficio, ma aveva detto di essere stata mandata da lui. Nulla di male, però son cose che danno fastidio a prescindere.
Questi due episodi mi hanno insegnato che è sempre meglio essere molto vaghi quando si raccontano le proprie attività, ed è anche meglio dare indicazioni fuorvianti, e subdolamente sbagliate, non fosse altro per la soddisfazione di non agevolare il furbetto di turno che non avendo idee o iniziative sue proprie, è assai bravo a usare quelle altrui, scavalcando con un balzo ricerche e fatiche. In certi ambienti di lavoro questa tattica è garanzia di sopravvivenza e pure di promozione.
Così l'altro giorno ho affrontato le domande insistenti di una conoscente, una di quelle che non si fanno sentire per secoli e che te le sei anche dimenticate poi rispuntano e ti fanno il terzo grado, lei incalzava ma io sfuggivo, poi ha esordito con un petulante: ma allora si può sapere cosa fai in questo periodo?
Ho risposto un distratto: mah! mi faccio i cazzi miei, e tu?
Si è risentita ... ma io trovo sia una bella risposta, da usare spesso, le occasioni non mancano mai.

dimanche 23 avril 2017

manfrina s. f. – 1. Variante, originariamente dial., di monferrina, danza piemontese: ballare la m.; suonare la m. (anche per significare una musica mal eseguita). 2. fig. a. Discorso, chiacchierata, e sim., noiosi e tirati troppo per le lunghe: è sempre la stessa m.; quando la finirai con questa manfrina? b. Messinscena fatta allo scopo di ottenere qualcosa, di convincere o comunque coinvolgere qualcuno, e sim.: fare la m.; non fidartiè tutta una m., è solo una m.; ormai conosco bene le sue manfrineLe si erano messe intorno, facendo tutta una m., per avere qualcosa (Pasolini).

Dice così sulla Treccani ... l'ho cercato perché mi sono ricordato di questa parola mentre leggevo un blog in cui il 90% dei commenti ai post era di questo tipo:
carissima, che meraviglia, amica mia ti leggo sempre con piacere, splendide foto, ma sei bravissima cara amica mia, che splendore, una buona giornata a te mia cara, questa è pura poesia, hai portato il sole nella mia giornata, etc.
Tutto questo zucchero era indipendente dall'argomento dei post, dalla serie di foto di tramonti, rose e gattini, damine e pizzi, copriteiera ad uncinetto o tendine col fiocco, oppure altre faccende paesaggistico-artistico di cui pare il blogger si occupi con una certa regolarità.
Non saprei perché, ma leggere una serie di almeno 25-30 commenti di questo tenore con conseguente risposta del blogger ton-sur-ton, mi ha provocato un principio di nausea, al punto che mi è passata la voglia sia di commentare, perché non mi sarei allineato agli altri, ma anche la voglia di proseguire a leggere il blog in futuro, così mi sono chiesto: e se mi accadesse? se un malaugurato giorno trovassi 30 commenti mielosi ad un mio post? commenti assolutamente OT (OffTopic), che nulla aggiungono alla discussione, commenti che si potrebbero definire gratuiti, o a pisciata di cane, per i più introdotti, commenti di cui nemmeno si capisce il senso, e se il commentante ha letto (e compreso) il post, commenti che potrebbero andar bene per qualsiasi blog, forse commenti copia-incolla, a cui potrei rispondere copia-incolla pure io, (forse per conseguenza o ritorsione) insomma una melassa di cui non ravvedo il senso e l'utilità (forse l'Analisi transazionale di Berne potrebbe illuminarmi).
Eppure il blog tratta spesso argomenti interessanti, (non il mio quello in discussione) su cui potrebbero iniziare riflessioni interessanti. Ma niente, a quanto pare il lettore medio è solo capace di manfrinare con un: mia cara le tue foto sono poesia pura, roba che a me veniva di rispondere: ma che cazzo vuol dire poesia pura, che ne sai della poesia? queste sono le cose che mi mandano in bestia, gente che colma il vuoto assoluto con le manfrine, poi sono andato a sbirciare i blog dei commentatori, gente che copia-incollava poesie a sfare, testi di canzoni e frasi fatte prese e buttate lì, senza un commento, senza un pensiero proprio, cacciate lì come a dire la penso così e non devo aggiungere altro. Ok va bene per un paio di post, ma tutto un blog così? aiuto!!! come quando da piccoli si fa il collage, parevano un quaderno di ricette prese da BravaCasa o peggio dalle ricette di Suor Germana. Mi è salita l'ansia, avrei tanto voluto trovare un commento cinico, anche solo vagamente critico, qualcosa che mi potesse far pensare ad una visione realistica, ma nulla.
Avete presente quelle situazioni dove c'è un bambino rompicoglioni, che frigna, ma non puoi dire niente perché passi subito per Erode? ecco, mi sono sentito così.
Mondi di miele e fruttacandita, dove lo scorno è tenuto da parte, escluso con certosina censura. Ci sono persone che vivono così? che estrapolano dalle loro vite le rogne al punto da non accorgersene? che ritagliano via il brutto sempre e comunque, possibile? Possibile che ci riescano e che vivano comunque nel mondo reale, e non in un paradiso artificiale da cui svegliarsi con una bella facciata? Non lo so ma parrebbe di si... e forse un po' li invidio pure questi qui.

dimanche 16 avril 2017

Sciagure declassate nella categoria: …e quindi?

Risalgo veloce la strada che conduce fuori porta, verso ponente, un lungo arco di pietre consumate che replica la curvatura del porto, e prosegue oltre l'arsenale, dove il Principe sta costruendo la sua reggia, ma questo è accaduto nel 1530... è sempre così, mentre attraverso il centro storico, mi figuro la città che c'era, quella moderna non mi riguarda, così vedo le torri delle antiche mura, quelle del Barbarossa, riconoscibili, presenti sotto strati di intonaci e pittura. Mentre vagolavo dando un senso differente a ciò che mi circondava, incrocio faccia a faccia una vecchia conoscenza, talmente passata che subito non l'avevo riconosciuta, mi saluta con il tono di chi desidera fermarsi per sapere, per riallacciare, c'è la certezza di potermi trattenere a conversare, forse in virtù di una confidenza che però per me è ormai sbiadita, sorrido e rimando il saluto, educato, molto educato, esibisco una cortesia che nemmeno mi appartiene, ma è una cortesia veloce e quindi costa poca ipocrisia, non rallento nemmeno la mia camminata, scivolo accanto, incurante, già guardando oltre, dopo il saluto il suo volto viene nuovamente sommerso da altre facce sconosciute, il mio traguardo è porta San Tommaso, prima che venga chiusa al tramonto, fuori le mura, mi aspettano.
Solo agli orti Sauli la memoria scorre un paio di scorni passati, quasi come vedere le pubblicità dal vagone della metro, riconosci appena le immagini, ma che importa... Via! E poi sollievo, si, piacevolezza di aver evitato di riallacciare quel legame. Quanto incazzo all'epoca.
Mentre in Santa Fede attraverso un ponte levatoio che alcuni si ostinano a chiamare strisce pedonali, e quel semaforo che dura troppo poco, (e il panificio che fa una focaccia da urlo) mi dico che ci sono epoche della vita in cui attiriamo zavorra come le calamite la limatura di ferro, e quando poi capita di smagnetizzarsi e finalmente ci liberiamo, è come togliersi le briglie, perché non l'ho fatto prima? Non saprei, forse perché ad un certo punto impariamo a rinunciare a qualcosa, impariamo che la solitudine è più piacevole delle persone tossiche, che le nostre regole sono importanti e non possono essere derogate per fare posto a quelle degli altri, a chi pretende, a chi non apprezza; starò imparando a volermi bene?
Non saprei, in ogni caso è il tramonto e sono fuori, lì, a guardare l'imbarcadero, o ciò che ne rimane e mi sento libero, da cosa non saprei, ma LI-BE-RO!! Non è già abbastanza?


dimanche 9 avril 2017

Questione di priorità

Da tempo sto elaborando una teoria, ma ero in alto mare, poi l'altro giorno ho trovato un video di Monty Montemagno che ha chiarito la questione una volta per tutte. Alcune persone, sempre di più ultimamente, danno priorità a cose di poco conto, e ciò non va affatto bene, tuttavia ero nel dubbio se tali comportamenti potessero essere classificati come "priorità all'irrilevante" sempre e comunque, come dice il Monty, oppure se sia solo una questione di tempistica sbagliata. Faccio alcuni esempi a cui ho assistito...

1) interrompere una conversazione con amici per leggere e rispondere ad un sms, a cui si poteva rispondere anche dopo
1bis) incontrare l'assessore con delega a ... e discutere mentre chatta con lo smartphone
2) distrarsi da una lezione o da una riunione di lavoro per controllare i like su FB
3) ritardare ad un appuntamento per terminare un gioco on line
4) trascurare la guida dell'auto (o scooter) per controllare i messaggi su whatsApp

Questo nel magico mondo dei social, ma per estensione...

1) ingolfare una discussione a tavola con apprezzamenti sul cibo e ma-se-vuoi-prendine-ancora
2) usare il poco tempo a disposizione parlando di tattiche del fantacalcio
3) esibirsi in spiegazioni inutilmente prolisse monopolizzando la discussione
4) fare continuamente domande OT durante una spiegazione
5) intasare una messaggeria con emoticons e video di puttanate quando invece con tre messaggi si potrebbe decidere l'appuntamento

Mi sono chiesto se l'attitudine alla distrazione sia qualcosa di conscio oppure uno di quei comportamenti automatici, quelle cose da gente con la testa vuota, (da imbecilli per capirci) oppure sia sintomo di un desiderio di leggerezza, un po' come quando siamo costretti in una conversazione noiosa, ed ogni mosca che passa è perfetta per distrarci nostro malgrado.
Non c'è mai una regola fissa applicabile, però ho sempre più spesso l'impressione che le persone siano in balia di una qualche forma di ritardo mentale (acuto o cronico) oppure per empatia replicano quello che vedono fare agli altri. Sia come sia il fatto resta, c'è una moltitudine di persone che, pur mantenendo alcune priorità principali, da importanza alle cose nel momento sbagliato; e nel farlo si incasina e spesso incasina quelli che gli stanno attorno.
La cosa è assai evidente in città, quando si incrociano quelli che guidano come dei goloidi, e pensi che stiano infartando, ma poi ti accorgi che stanno rispondendo a un sms, mentre fumano una sigaretta.
Anche il fatto che le persone tengano il cellulare in mano sempre e comunque, è sintomo di una sopraggiunta confusione comportamentale, come se lasciarlo in tasca o in borsa li privasse di una qualche indispensabile funzionalità, senza contare che è davvero imbarazzante rapportarsi con persone che hanno una mano perennemente occupata e una conseguente manualità monca, in questo modo anche il non utilizzo diventa un impedimento.
Penso che usandolo indiscriminatamente queste persone si sentano, non solo positivamente multitasking, ma anche importanti se non indispensabili per qualcuno, si illudano di 'esserci' per tutti coloro a cui rispondono subito, quando sono i primi a mettere un like, provano un brivido, e si sentono pure gratificati dall'aumento dei like sul loro, riconfermati nel giudizio.
Insomma ho paura che questa smania di far cose sul cellulare (e solo lì), che fa perdere il senso delle priorità, sia una peculiarità dei mediocri.