dimanche 13 mai 2018

La 'guerra' di Spagna ed altre questioni

Chi ha fatto questo orrore? - Blog

Si narra che, alla fine degli anni ’30 del secolo scorso, l’ambasciatore nazista di Francia Otto Abetz si fosse recato nell'appartamento parigino di Pablo Picasso e, notando sul tavolo una foto del quadro Guernica, gli avesse chiesto: “Avete fatto voi questo orrore, Maestro?" 
Al che l’artista rispose: "No, è opera vostra."
(cit.)

Detto ciò ecco la questione dei cugini spagnoli ad usum Delphini. 

La vicenda all'inizio aveva assunto i tratti di una sceneggiatura da operetta, ma si è presto trasformata in tragedia, e non posso fare a meno di pensare ai Dieci piccoli indiani, ascrivendola negli annali delle storie familiari dal sapore amaro.

Il trasferimento dalle coste della Florida era stato il primo passo verso l'abisso, ma loro non lo sapevano, e guardavano a quella scelta annoverandola nei giorni felici. Approdare alla calda Costa del Sol era il sogno di una vita, e la bella casa dal sapore moresco l'adeguato contorno.

D. il mezzano è morto per primo, i restauri alla casa non erano ancora terminati, si è accasciato mentre saliva le scale appena riverniciate in blu di Prussia, un'aneurisma.

Questo primo lutto, seguito dalla sparizione dei gatti, avrebbe dovuto far riflettere. Ma loro avevano proseguito, trasformando la sua camera in salotto-biblioteca-stanza degli ospiti, stanza che per altro nessuno trovò mai occasione di usare negli anni seguenti.

Due anni dopo era toccato a S. il piccolo, cancro al colon, una via crucis di cure inutili e speranze disattese. Se ne andava via lasciando lavori incompiuti, sogni nel cassetto e una terribile voglia di vivere... a dispetto di tutto e tutti.

Ora è arrivata la sentenza per M.: demenza senile precoce, acuita dalla depressione. I vampiri del tempo altrui escono sconfitti da loro stessi.

La vicenda si conclude con la messa in vendita della casa, ipso facto. Arredi compresi.

Per parte mia ho subito pensato a quello che mi raccontarono quando visitai Villa Gaiola ed a tutte quelle leggende che aleggiano sulle case maledette, vere o presunte. Fatti inspiegabili e casualità al limite della superstizione.

Perché mai una casa dovrebbe causare sciagure ai propri proprietari e rimanere incompiuta e disabitata? Forse per una logica autodistruttiva?

Il mistero permane.

6 commentaires:

  1. Bella storia. Brutta, ma bella da ascoltare. Come i racconti di fantasmi ai pigiama party.
    La mia prima casa è stata disinfestata, per volere di una zia stramba, che ci sentiva "presenze" ;)

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. Queste storie hanno sempre un fondo opaco; la camera dove morì la prozia Elisa fu prestamente trasformata in sala da pranzo, e la Gatta, arrivata ben 15 anni dopo quell'evento, non ci mise mai piede, mai.

      Supprimer
  2. Si, ci sono case che divorano chi vi abita.

    RépondreSupprimer