dimanche 10 décembre 2017

Bene, ma non benissimo

A certe cose devo stare attento.
Tipo alle giornate che anticipano la pioggia o peggio un temporale, è oramai certificato che divento di cattivo umore, ed è proprio una questione meteo; meteopatia la chiamano - ne sono affetto.
Verificata questa estate.

Altre questioni del periodo? poche, le solite rogne, perché tendo a figurarmi il peggio per il prossimo futuro, non saprei dire perché mi venga semplice farlo, tuttavia accade sempre più spesso di aver ragione e il futuro è peggio del passato, così quando capita invento scuse sfango tutti e passo la giornata a dormire, come avessi la febbre, ma poi sto bene: nel caso mi sento addosso la qualsiasi, malditesta, maldidenti, nevralgie e ipocrisie. Poi mi scoccio, di solito verso le tredici, prendo un'aspirina del Dottor Burlone, con un dosaggio casuale, faccio una doccia calda, faccio colazione/pranzo/merenda ed esco a farmi un giro per dove capita, notando tutte le cose che odio di questa città.

Mi piace anche scrivere frigne e poi rileggerle dopo mesi, forse per la consolazione di poter affermare - me l'avevo detto - come questa che la scrivo adesso che è maggio e la programmo per dicembre. (con qualche piccola modifica in itinere, come quei post che impasto all'infinito tanto da poterli declamare a memoria, senza mai pubblicarli... e poi li cancello).

C'è che il tempo scivola via abbastanza veloce (almeno adesso mi pare così) ed ho sempre più spesso l'impressione di arrivare tardi a definire le cose. Non che questo ritardo mi sia dannoso, almeno non a me, tuttavia spesso mi chiedo: ma perché non l'ho fatto prima, perché ci penso solo adesso? quando le stesse condizioni c'erano anche lo scorso anno, lo scorso mese, la scorsa settimana?

Questo mi permette di sentirmi come quando sei in treno e il posto bello, quello dal finestrino, si libera una fermata prima della tua.

Sarà anche per questo che invidio quelli che riescono a passare da uno stato di quiete all'altro, che non ti danno mai l'impressione di essere in una fase precaria o disagiata, e mutano nelle condizioni non per bisogno o necessità, ma per diletto e volontà.

Poi capita che girando in centro incrocio Emme, (stacco suspense) lì a cercar regali o chissà chè; ho tirato dritto sotto al suo sguardo innocente, pensando vaffanculo, e mi son detto: ecco lì, la mia stagione rubata, il mio ultimo vero amore, quelli dopo sono stati solo sesso, solo ginnastica da letto e nulla più, scivolati via, in quelle mattine che ti svegli e nemmeno ricordi chi c'è nel letto ed esci in un quartiere che non ti appartiene, e ti importa solo del cappuccino al bar, di rincorrere il profumo del pane caldo e salire sull'autobus, e sai che non richiamerai e non sarai richiamato, e va bene così.

Quindi oggi che è un giorno di metà maggio e le previsioni per domani danno temporali forti, e già stasera le nubi si accavallano sul tramonto, mi sento così, di malanimo e precario come una foglia esposta alla grandine, in divenire, non incompleto... ma inadatto e non per mia volontà, ma per il volere del fato a cui è comodo dar tutte le colpe, o forse di una mia poca lungimiranza passata, uscito da un letto sconosciuto, con addosso il sudore e il sapore di un corpo a perdere; il nome? dopo il caffè già lo avevo dimenticato...

11 commentaires:

  1. Quand le ciel bas et lourd pèse comme un couvercle. Sur l'esprit gémissant en proie aux longs ennuis, Et que de l'horizon embrassant tout le cercle. Il nous verse un jour noir plus triste que les nuits; Quand la terre est changée en un cachot humide... (ecc, ecc)...

    ps non volevo darti il colpo di grazia... è che lo spirito del post trovo s'intoni...

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. che poi oggi piove pure...

      cmq passiamo a qualcosa di ameno: hai provato a portare una manciata di sale grosso alle caprette? ne vanno matte.

      Supprimer
    2. sappiamo, sappiamo... ma le vedo poco per via che son sempre a 'sbarazzare' e impegnata in faccende per niente amene:(

      Supprimer
    3. uh a proposito, mi dovrai dare qualche dritta che da gennaio comincio anche io uno sbarazzo epico... poi ti chiedo bene :)

      Supprimer
  2. Réponses
    1. che scherzi... quando vedo Emme mi sale il crimine :P
      (cit)

      Supprimer
    2. Ah ahhhhhh....è venuta l'occasione di sfoderarla eh...

      Supprimer
  3. pieno di inquietudine questo film-post...

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. -.- servirebbe una controfigura

      Supprimer
    2. in effetti...ogni tanto tocca riposarsi e allentare!

      Supprimer
  4. che strane atmosfere questo post...
    che è bello si, ma anche estremamente inquieto...

    RépondreSupprimer