dimanche 26 novembre 2017

A riempire una stanza basta una caffettiera sul fuoco (*)

Se cerchi il peggio nelle persone lo troverai... dice più o meno così Platone, nel dialogo tra Socrate e Callicle.
Ed io spesso aggiungo: e non c'è nemmeno bisogno di cercare troppo.

La cosa è uscita fuori parlando con la mia collega che ha comprato la macchinetta del caffè della Nespresso. Ne elogiava le doti, la comodità delle capsule e tutto il resto, più che altro perché fa status averla e parlare di averla. C'è rimasta un po' male quando le ho chiarito, dati alla mano, che il costo al chilo del caffè per quelle macchinette è di 80 (ottanta) euro, contro i 7 (sette) della torrefazione, ma lei ha recuperato sentenziando: io me lo posso permettere! Io le avrei dato un pugno, ma la violenza sulle donne non è più cosa.
Poi ha proseguito valutando tutta una serie di benefit qualitativi che l'azienda garantisce ai suoi clienti; allora le ho chiesto come mai se la qualità del caffè le stava così a cuore si ostinava a bere il caffè al bar, o peggio, quello del distributore dell'ufficio che gode di pessima fama igienica, lei ha eluso la provocazione proseguendo la spiega sul design innovativo della SUA macchina ed altre faccende tecniche, inaccessibili a chi come me fa il caffè alla turca, dettagliate al punto che mi sarei aspettato che me ne vendesse una; non l'ha fatto, però ha chiarito che le danno anche in comodato d'uso, per i povery.

Nell'estendere l'elogio ha anche evidenziato l'esistenza delle CleanerCaps, ossia capsule per pulire la macchina e poi c'è la fiala di decalcificante da versare nel serbatoio dell'acqua.
Io penso subito a tutto questo traffico con prodotti chimici e mi allarmo; principalmente perché sono ipocondriaco e contrario a priori a tutto quello che esce dalle industrie e che non è strettamente necessario al mio vivere.
- Chissà che roba c'è dentro - le dico - ma il caffè dopo non viene cattivo? 
E lei mi dice con l'ingenuità tipica delle VispeTerese - ah non lo so, di solito dopo averla pulita i primi caffè li offro agli ospiti, o ai vicini.
Olè - eccone un'altra.
Io e la Mara ci guardiamo di taglio come a dire - è senza speranza - e a me sale un po' di tristezza perché da questo piccolo fatto si capisce molto della persona.
Così spero che le cada un pianoforte in testa quando esce dal negozio con la busta delle capsule e la lascio lì a bersi il caffè della macchinetta, il primo dopo che l'omino del caffè ha pulito la macchina... ma nessuno glielo ha detto.

(*) Erri DeLuca

10 commentaires:

  1. Ma l'impatto ambientale delle capsule ad esempio?
    Ma perchè più le cose si complicano, più diventano artificiosamente care, nondimeno vanno per la maggiore?
    Quelle macchinette vendono uno status:vorrei, ma non posso.

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. ma guarda, sul caffè cattivo offerto ai vicini ha preso dei punti :)

      Supprimer
  2. Ce l'ho. Da pochissimo, me l'hanno regalata. Verissimo é che fa un caffè spaziale, anche con alcune e più economiche capsule compatibili. Coop, ad esempio.
    Va comunque alternata alla moka, altrimenti ti bevi mezzo stipendio.
    Io poi pulisco tutto con l'acqua, e via.
    Comunque si può tranquillamente vivere senza.

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. che poi basta un poco di aceto e ciao ciao calcare.
      cmq si il caffè è buonerrimo, ho un cliente che ne ha una e ogni volta che vado offre, io che lo bevo senza zucchero apprezzo meglio. Ora gli chiederò delle cleanercaps, sia mai che mi offre il caffè dopo averle usate.

      Supprimer
  3. Se pensi poi che molti supermercati stanno in piedi solo ed esclusivamente grazie all'utile che fanno sulle capsule di caffé, ti fa capire i margini astronomici che hanno.
    Praticamente hanno trovato l'oro.

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. l'oro e i babbei conseguenti.. è incredibile vedere come se la raccontano.

      Supprimer
  4. Ma sai che fatico a credere che la Vispa abbia risposto a quel modo alla tua domanda? a sua parziale discolpa si potrebbe dire che, vista la sincerità, appartiene al genere "ingenuamente scemo", un genere sempre più raro, rarissimo!

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. tu pensa che ha 30anni, e ho dovuto spiegarle le abbreviazioni delle lettere: p.c. per conoscenza, c. a. cortese attenzione etc...

      Supprimer
  5. me l'ha regalata il moroso di scarrafona, ma io mi rifiuto di usarla perchè altamente antiecologica.

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. azz il moroso di Scarrafona ti vuole conquistare, è LoV3 sicuro allora...

      Supprimer