dimanche 10 septembre 2017

Scurdámmoce 'o ppassato

Trovare notizie liete è difficile, ed inizio a temere che andando avanti così finirò pure io per concentrarmi solo sulle rogne. Ci pensavo leggendo la notizia del rogo di Faragola, un sito archeologico che è stato incendiato, pare dalla malavita locale, i veri veri motivi probabilmente non si sapranno mai.
A me venivano in mente altri opportuni incendi dove chi controlla crea il danno per speculare sulla catastrofe, e così sono rimasto scettico per tutta la lettura dell'articolo e nemmeno sono riuscito ad incazzarmi.

Nel leggere invece mi sono concentrato su come vengono confezionate le informazioni; innanzitutto mi sono chiesto come sia possibile che una copertura ignifuga (così la definisce nell'articolo) possa essere incendiata. Siccome siamo in Italia e siamo al Sud mi è sorto il dubbio che forse tanto ignifuga non era, ma anche scoprendo esattamente i modi ed il perché di un atto simile, la sostanza non cambia, il danno c'è e rimane, dimostrazione di incapacità e di sottocultura.

Comunque sia, il mood è: guardate che disastro, ah ma noi non ci arrenderemo e sfidando tutto e tutti rimetteremo tutto a posto.
A me verrebbe da dire: guarda, grazie ma anche NO. Lascia perdere che è chiaro, siete in minoranza e nemmeno troppo intelligenti, poi chiedete soldi pubblici facendo leva sulla lotta e sul contrasto ad una criminalità che da oltre 150 anni state combattendo, sono soldi cacciati nel cesso, se hai problemi d'orgoglio emigra e risolvili altrove, perché è chiaro che lì non ci cavi un ragno dal buco.

Quindi consiglierei... riseppellite tutto, mettere i teli di protezione, un bello strato di terriccio e lasciate che i posteri, se mai ce ne saranno con adeguate capacità cognitive, se la riscoprano integra e la valorizzino loro perché così gli state consegnando solo altre rovine e cenere.

Razionalmente trovo sia la scelta più onesta, che senso ha accanirsi e devastare ulteriormente un bene plurimillenario, che una vota ri restaurato sarà nuovamente esposto al degrado e all'abbandono?

4 commentaires:

  1. Anche qui...ci sono siti celtici in totale abbandono. Lavori appena iniziati e cantieri chiusi dopo pochi mesi.
    Una tristezza.

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. per fortuna ho trovato Venzone che ribalta la question. Secondo me c'è la mafietta dei siti archeologici,ma non vorrei sembrare troppo Saviano style

      Supprimer
  2. in effetti... anche perché i rifacimenti sono quasi sempre peggio e meno duraturi...

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. secondo me si è perso il senso delle priorità, o meglio per alcuni è comodo che sia così. Ricordi il progetto Mose a Venezia? alla fine chi spingeva di più per realizzarlo, che ne elogiavano utilità e benefici erano quelli che ci prendevano le cagnotte...

      Supprimer