dimanche 6 août 2017

Dite... cheese

Una cosa che sto valutando con irritazione (una tra le tante) è la questione foto-dei-figli-su-FB e più in generale foto-dei-figli-sul-web. Prendo FB come esempio per il solo fatto che è il social che utilizzo maggiormente.
Prima o poi lo trovi qualche amico che esibisce il pargolo; ritengo la cosa abbastanza stupida, soprattutto quando viene fatto con insistenza e quando il pargolo è nell'immagine del profilo o in quella di copertina, non tanto per la questione minori => privacy => pedofili e tutte quelle faccende connesse alla divulgazione del proprio privato, ma per la questione decisione del genitore su una libertà altrui; è la solita storia, essere orgogliosi per qualcosa che è stato semplice ottenere.
Perché dai... mettere incinta la moglie, c'è da esserne orgogliosi?

A mio parere no!

Oltre ad avere un fastidioso catto-sapore di crescete&moltiplicatevi, con quel retrogusto stantio di campagna acquisti del ventennio, e volendo andare più indietro fatta-l'Italia-facciamo-gli-italiani e tutte quelle minchiate da propaganda di sistemi che avevano (ed hanno) solo bisogno di braccia da mandare in guerra, oppure pecorelle da sfruttare in vari modi, ditemi dove sta l'orgoglio?

Perché mi aspetterei che un genitore sia orgoglioso dei risultati dell'educazione data al proprio figlio e non del figlio in quanto tale, anche accettando la variante che ogni scarrafone è bello a mamma sua, ed un genitore equilibrato sa rendersi conto se ha partorito un enfant prodige o un bimbominkia, ed il fatto di non voler riconoscere quest'ultimo è solo per salvaguardia dell'autostima. Ma queste sono sottigliezze, deroghe che posso pure concedere ed accettare.

Divido anagraficamente la situazione, prima dell'età della ragione del pargolo e dopo, (sul genitore ho perso le speranze) badate bene non maggiore età. Dico questo perché un figlio (in adolescere) potrebbe ad un certo punto dire: senti pà per pubblicare le mie foto devi avere il mio benestare, oky?? perché non esiste che quando avevo un anno hai pubblicato una foto mentre mi cambiavi il pannolino e adesso tutte le mie compagne di classe mi prendono per il culo e dicono che ce l'ho piccolo.

Verrebbe poi da chiedersi la reale necessità di postare foto-ritratti dell'infante, in quanto ai parenti possono essere mandate per mail e agli amici delle foto dei figli altrui non gliene frega un beneamato cazzo, (io in testa) ed al massimo possono esordire con qualche scontata carineria, perché nessuno mai si sognerebbe di dire: tua figlia è un cesso, ma sai com'è... brutta in culla, bella in piazza. Speralo!

Quindi si fa strada il sospetto che molte coppie riescano a dare un senso alla loro esistenza solo ed esclusivamente in funzione procreativa; ed appena ciò accade si sentono in dovere di esibire il motivo del loro unico orgoglio, (in questo devo riconoscere il danno cerebrale che causano certi cattosermoni). Anche il coniuge che accetta, imita o incoraggia è da considerarsi complice e babbo-di-minkia a seguire.

Ricordo ancora con ribrezzo la faccia stravolta di una puerpera fotografata dal marito in ospedale e sbattuta su FB, assieme alla neonata, rossa ed informe come un pomodoro caduto dal frigo.

In questi casi viene da interrogarsi sulla questione delle priorità, perché in certi frangenti lo scatto, per quanto facile e veloce che possa essere, è l'ultima cosa a cui penserei, ed allo stesso modo il soggetto fotografato potrebbe avere il pudore di non voler apparire sulla piazza mediatica dopo 12 ore di travaglio, capelli stile esorcista ed occhiaie a tema.

Però sono felice di scoprire questi risvolti, per la solita questione di riuscire a selezionare palesi o potenziali imbecilli da rimbalzare, e quindi evitarmi rogne e discussioni con persone dalla psicologia problematica.

In buona sostanza, la presenza di minori nelle foto pubbliche la trovo accettabile in caso di gite o escursioni o foto di famigli al desco, insomma in foto di gruppo in cui ha un senso la compresenza di tutte le generazioni - partecipanti, ma per il resto auspico sempre il recupero del caro vecchio album di famiglia in cui chiudere tutte le foto.

11 commentaires:

  1. Oddio Pier...è un costume ormai. Io non faccio testo, perchè sul web dei miei figli a malapena parlo.
    Proprio l'altro giorno discutevo con una collega il fatto che utilizzasse sempre foto di sua figlia sul profilo wapp. Al di là del disagio che mi causa, mi chiedo anche se hai una vita. Proprio come dici tu: credi che l'immagine di tua figlia sia l'unica buona per rappresentare te stesso? Allora preoccupatene, perchè tempo cinque o sei anni se andrà in giro col moroso.

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. poi magari mette la foto della figlia col moroso, che è impiegato alle poste e solitamente indossa polo di filo, che da qualche parte sono ancora legali.
      Non lo capiscono nemmeno se glielo dici, già ma poi che gli dici? ma foto tue nulla?

      Supprimer
  2. Tutti fenomeni questi pargoli eh? Mi pare che tutta questa esposizione, vada a compensare altre carenze, magari culturali o sociali.

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. temo carenze affettive o insicurezze, forse c'è anche qualche stereotipo a cui attendere... resto cmq perplesso su queste necessità

      Supprimer
  3. essì perché invece delle vacanze della boschi ce ne frega una cippa lippa... comunque son problemi in via di estinzione... nel senso che a porseli siam rimasti quattro gatti e qualche tribù ancora sconosciuta, per il resto del mondo le cose vanno come le descrivi e sarà così fino al total black out che vedrà spegnersi tutti dispositivi e con essi gli ultimi neuroni superstiti e vaganti nelle menti umane...

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. eccola qua.... finiti i circenses è tornata a parlare il politichese, guardo io ne ho già piene di sto sindaco che ieri era a colare il cemento sulla copertura del Bisagno come se l'avesse scavato lui il tunnel alla Foce... cazzo se viene l'alluvione a ottobre, mi sono salvato la foto e gliela porto in ufficio.

      Supprimer
    2. ma come? ha appena detto che parte il disboscamento dei rii... sarà stato diserbante...:)

      Supprimer
    3. Hanno 'pulito' davanti a Borgo Incrociati... ma basta andare davanti alla Sciorba e non hanno fatto nulla... forse salgono con le ruspe va a sapere... resta il fatto che oltre alla vegetazione l'alveo è una discarica... e lì non c'è sindaco che tenga.
      Sospetto che siano tutti specchietti per gli 'allocchi' ma staremo a vedere...

      Supprimer
  4. d'accordissimo su tuttoooooooooo!!!
    FB è per molti una sorta di scarico della visibilità con tutto il contenuto e senza sciacquone!
    E che dire delle tipe che si mettono in pose facciali para-languide, suscitando l'inevitabile scia di "bellissima!!!" da parte di aspiranti intrallazzatori sessuali e di "amiche" che le attenderanno sicuramente al varco per essere definite altrettanto sublimi esteticamente?
    Che puzza!

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. eppure... a volte mi riprometto di scandagliare gli oceani della storia per ritrovare l'atteggiamento, che sta alla base di queste aberrazioni; non voglio credere che la nostra epoca sia la prima che manifesta certe patologie

      Supprimer
    2. No, non è la prima, ma è quella che ha più mezzi a disposizione per mostrare in pubblico le sue aberrazioni.

      Supprimer