dimanche 2 juillet 2017

Replicanti te salutant

Facebook è fantastico per capire le persone, ma non solo, anche per capire come funziona il mondo dell'informazione. Ormai ogni quotidiano possiede una pagina su FB, in cui vengono messe in evidenza alcune notizie, un assaggio di quello che si potrà leggere sulla pagina web, che poi potrà essere approfondito con l'abbonamento on line.

Trovo tutto questo meraviglioso, se solo dieci anni fa qualcuno mi avesse detto che sarebbe accaduto, avrei pensato ad un visionario. Una cosa che il web permette a costo zero, è la consultazione di più testate giornalistiche contemporaneamente, cosa laboriosa in passato, per via dell'abitudinarietà ad acquistare un solo giornale. Oggi ciascun lettore può predisporre una personalissima rassegna stampa in pochi minuti. Mentre mi apprestavo a lurkare le mie solite pagine, che per la maggior parte sono di informazione locale, ho notato alcuni temi ricorrenti che attraversano tutte le testate, spesso replicandosi con fastidiosa insistenza, o producendo articoli ridondanti in cui la stessa notizia viene aggiornata ogni giorno con dettagli insignificanti.

L'ultima novità sono i cinghiali, che pare preferiscano i giardini pubblici alle boscaglie, penso anche per una questione di nutrimento, in quanto dubito che questi animali trovino piacevole convivere con uomini ed auto. Queste apparizioni, non sono una novità, tuttavia hanno attirato l'interesse dei giornalisti, la notizia potrebbe essere interessante ai fini della viabilità, sebbene quasi tutte le foto che ho visto ritraessero gli ungulati impegnati ad attraversare la strada sulle strisce pedonali, ma qualcuno ha deciso che l'emergenza cinghiale dovesse ingolfare l'informazione, e la pagina di Repubblica Genova per giorni interi, non c'era post che non ritraesse una fase del soggiorno, seguito dal classico: e voi cosa ne pensate? (mi sono astenuto dal dirglielo perché anche questo è un trucchetto per conteggiare click) ad un certo punto mi sono chiesto se la questione cinghiali fosse l'unica cosa degna di nota che accadeva in città, perché a rimbalzo la notizia è stata ripresa da tutti gli altri siti di informazione locale, insomma a Genova il problema maggiore sono i cinghiali che attraversavano la strada in Albaro, mica le fabbriche che chiudono a Sestri Ponente, le aziende comunali affondate nella corruzione, il sindaco neo eletto e tutta una serie di altre faccende; il giornalista locale, libero ed indipendente, trova più utile scrivere su temi d'intrattenimento, per alleggerire capite!

Quindi per tre giorni la mia bacheca si è riempita di cinghiali, che pareva di essere in montagna alla fiera della polenta, però tutti a difesa dei cinghiali, almeno nei commenti più in vista, tutti animalisti che caldeggiano il trasferimento in zone boschive vergini e più adatte alla loro vita di bestioline libere; peccato che l'ambiente da cui scappano siano boschi bruciacchiati e disseminati di discariche abusive. Poi mi sono ricordato dell'orsa del Trentino e l'intervento dei goffi veterinari, a cui era seguito un patetico articolo sui poveri piccoli orsacchiotti che avevano perso la mamma, insomma che palle! Poi ho smesso di seguire la faccenda perché stava rasentando il ridicolo.

Altra questione: le bellezze locali, l'orgoglio regionale? il mare ovvio, sta lì, non occorre fare nulla per valorizzarlo, quel mare scuro, che si muove anche di notte e non sta fermo mai.
Una foto al mare ed è fatta, altra promozione non serve, nemmeno far funzionare il depuratore, basta falsificare i dati dei prelievi, giusto in tempo per la stagione balneare. Quindi il mare è una risorsa locale a km zero, in abbinata poi, i più intraprendenti mettono in primo piano un pezzo di focaccia ed il gioco è fatto; cosa meglio di una foto del genere per  promuove la città? perché sbattersi a trovare altri soggetti.

I like arrivano a pioggia, per orgoglio nostrano si intende, non farlo sarebbe tradimento, e tutti gli altri siti di promozione turistica ed informazione ai viaggiatori, tutti ma proprio TUTTI, almeno una volta a settimana declinano mare e focaccia, mare spiaggia e focaccia, mare cielo e focaccia, mare nuvole e focaccia, in ogni stagione, estate ed inverno, basta che spunti un raggio di sole e compaiono le focacce sulle spiagge che manco la moltiplicazione dei pani era riuscita a meglio.
A questo punto mi sono chiesto perché mai una pagina dovrebbe replicare quello che accade nelle altre, con quale scopo? Non ho trovato risposta se non nelle pigrizia mentale dei giornalisti, quella mediocrità sciatta che in Italia striscia ovunque ed in estensione anche nei web social master, ma su questa cosa devo ragionarci ancora un po'.

E voi cosa ne pensate? :P

4 commentaires:

  1. i tuoi post sono di nuovo inghiottiti dall'oblio (nel senso che a volte non entrano nel blog roll) e l'ho scorto solo adesso... ieri ho letto che a villa pallavicini (il parco più bello d'europa) fanno la spola con i secchielli per annaffiare perché han speso 4 milioni di euro per la ristrutturazione, ma evidentemente si son dimenticati di pensare a quando l'acqua scarseggia e il sistema idrico fa acqua da tutte le parti tranne che dove serve.
    magari due parole su questo fatto si potevano spendere, invece il tormentone locale è tutto incentrato su lo chef valerio borghese e le sue scelte per una puntata della sua trasmissione.
    poi, oltre ai criteri adottati dai media ci si mette google che ti spia e sceglie per te le notizie che a suo avviso ti interessano di più... sarà anche per questo che un cinghiale tira l'altro... se capiti per sbaglio su un argomento per salvarti devi chiedere la protezione testimoni e cambiare identità...

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. la notizie dei secchielli è passata in sordina, nonostante l'intervista 'de fuego' dell'architetto che gestisce la cooperativa... che ha detto chiaramente che la colpa è di Aster che da due anni non fa un cazzo per mettere in funzione l'impianto esistente... altra questione passata nel silenzio il crollo degli intonaci da Ponte monumentale, tre anni di impalcature per poi non far nulla 150mila euro spesi e nessuno del Comune che abbia firmato per iniziare i lavori, e dopo tre anni han tolto tutto e ciao... cazzo ma verrà il momento che sta gente pagherà lo scotto?

      Supprimer
    2. pensa che il sabotaggio al tema trattato ha fatto sì che questo post continui a non comparire nell'elenco di quelli pubblicati (in compenso c'è l'anteprima di uno immesso per sbaglio... titolo: il mondo dei mediocri, a proposito, quando lo fai uscire?)

      Supprimer
    3. mah sono riflessioni sul libro di Alain Deneault ... La mediocrazia! in teoria anche pronte, è l'umore che non aiuta a pubblicare

      Supprimer