dimanche 2 avril 2017

réclame /re'klam/ s. f., fr. [in origine, termine tipogr. nel senso di "chiamata", poi breve cenno nel testo di un giornale con rinvio agli annunci pubblicitari, infine pubblicità], in ital. invar. - 1.

- Tesoro ho buttato il vecchio smartphone, dice così la tipa nella pubblicità; buttato, con una vocetta da OcaGiuliva che levati, e lui anziché prenderla a calci nel culo per aver buttato uno smartphone da 700 euro, resta tranquillo e le chiede come farà adesso a chiamare la mamma, con l'intonazione del bambino caduto dal seggiolone (d'altra parte solo un babbeo poteva sposarsi con una così), e lei sempre garrula risponde che in quella grande-catena-di-store-di-elettronica, c'è il fuori tutto, quindi di cosa preoccuparsi? Anzi con una spesa di 'soli' 800 euro avranno perfino un buono del 20% da spendere in altri articoli; metti che oltre allo smartphone a lei venga voglia di buttare anche il tv-plasma, il pc o magari il tablet o chissà che altro, che importa! tanto c'è il fuori tutto sull'elettronica.
A mio parere la pubblicità sta rasentando la parodia di se stessa, io spero sempre che lo facciano per colpire l'ascoltatore, e non per un'improvviso rincoglionimento collettivo, ma ultimamente ci sto ripensando, perché finché dici cose ragionevoli non ti caga nessuno, mentre quando la fai fuori dal secchio, allora si accorgono di te, ed a furia di farla fuori dal secchio alla fine ci credi e diventa prassi, sarà anche per questo che i politici... vabbè ci siamo capiti.
Comunque, la cosa più assurda, e ne sono certo, è che se vado nella grande-catena-di-store-di-elettronica, e un giorno lo farò, andrò lì senza necessità di acquisto, ma solo per registrare i discorsi delle persone e fare foto, e il giorno dopo posterò tutto su questo blog, sempre che non mi occorra prima pagare una cauzione, insomma, io sono sicuro che se vado allo store, li trovo per davvero due babbei come quelli della réclame, gente che butta robe per il solo gusto di cambiare, senza nemmeno capire quello che sta facendo, che si è fatta venire la necessità di comprare, come Raffa che ha 'dovuto' comprare un secondo tablet perché altrimenti come faceva a scorrere le ricette on line stando in cucina mentre l'altro tablet lo usa in salotto? pure convinta di fare un affarone perché c'era l'offerta.
E sono anche sicuro che se dopo essere stato allo store, passo dall'isola ecologica lo trovo lì il loro home theatre, il plasma piatto che l'addetto accorto ha sistemato nell'angolo per poi portarselo a casa, usarlo o quando va bene rivenderselo nel mercatino di Facebook.

8 commentaires:

  1. e di questo esempio che ne pensi?
    lo hanno tolto abbastanza presto... qualcuno più accanito di me deve avergli fatto notare l'assurdità del concetto pubblicizzato.
    un detersivo che toglie gli odori... ma come gli è venuta???

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. che assurdità; da poco una conoscente è entrata in una agenzia pubblicitaria, spero di aver modo di indagare meglio la faccenda "ispirazione"

      Supprimer
  2. Pensi di trovarne solo due di babbei? Sei troppo pessimista, ne troverai molti di più ed è per questa ragione purtroppo che la pubblicità sta diventando la "parodia di se stessa" perché questo è il livello degli Italiani purtroppo.

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. sconfortante. Però lo farò, seguirò una coppia felice ed ascolterò quello che si dicono, giusto per verificare se c'è ancora qualcuno sano.

      Supprimer
    2. Ma queste coppie falici, vanno allo store?

      Supprimer
    3. eh anche questa è una belle questione, dove vanno le coppie felici?

      Supprimer
  3. che schifezza questi babbei (ben più di due) che scorazzano liberi, dentro e fuori delle pubblicità...

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. mi chiedo se siano in aumento oppure prima non li avevo notati, e mi chiedo perché non li notavo....

      Supprimer