dimanche 19 mars 2017

Garantismi minimi per tutti

Nella nazione della par condicio, spesso alla radio sento dire: quella famosa marca di crema alla nocciola, al posto di Nutella, i mobili di quel mobilificio svedese... al posto di Ikea, oppure la nota marca di bevanda americana... al posto di CocaCola. e mi dico: che vomitevole conformismo!!! Manierismi ridicoli e puerili che fanno capire come i media siano farciti di retorica, tuttavia mi sono chiesto: ma è utile tutto questo?? serve a qualcosa, tutela qualcuno??
Sempre per effetto della par condicio, se viene nominata una qualsiasi marca, perché non se ne può fare a meno, o perché allo speaker è scappata, allora vengono subito nominate tutte le altre di quel settore, quindi se si parla di una compagnia telefonica, si devono menzionare tutte le altre del cartello, guardandosi bene dal muovere elogi o critiche, giusto per evitarsi querele da parte degli attaccabrighe. Una cosa molto simile accade quando sento parlare dei cattivi servizi di una città, e non è complicato trovarne, ecco che subito si sente il bisogno di equilibrare la bilancia, instaurando un tono amichevole e piacione... ma salutiamo tutti gli 'amici' di... città bellissima e complicata! che però conserva un sacco di splendide opere d'arte, etc... cosa che si può dire di qualsiasi città italiana, ma perché non dire: città di merda (se lo si pensa davvero e ci sono le prove), fa brutto? eppure è risaputo che oltre il 90% dell'orgoglio italiano è per qualcosa che ci siamo trovati lì senza far nulla, l'orgoglio italiano scaturisce dal possedere monumenti costruiti in epoche remote e giunti a noi spesso per puro culo, conservati dalla tipica sciatteria e gestiti nella negligenza più totale, un orgoglio che nasce dalle normali attività di vigili del fuoco, dei militari, di medici ed infermieri che svolgono la loro professione in modo corretto, oppure è l'orgoglio per ricercatori fuggiti all'estero, che proprio grazie al trasferimento hanno potuto accedere alle risorse necessarie per sviluppare le loro potenzialità, orgoglio per le prodezze sportive di atleti che per anni si sono allenati a spese loro, per i fatti loro, spesso nella totale indifferenza di istituzioni e società sportive, insomma più l'orgoglio è avulso dalle quotidiane possibilità nazionali e più viene chiamato in causa, da giornalisti e politici, che gareggiano per assegnarsi medaglie altrui, siamo il paese dove i giornali pubblicano la "strabiliante notizia" che un treno è arrivato in orario... ma ce ne rendiamo conto???
Non saprei perché ad un certo punto sia iniziato tutto questo teatrino, ma adesso è difficile venirne fuori, perché la gente si è abituata alla scenetta, per cui se un giorno qualcuno dicesse: ora vi diamo la ricetta del pesce al forno, un qualsiasi macellaio si sentirebbe in diritto di 'pretendere' anche la ricetta dell'arrosto, perché viene discriminato, quando non offeso, un vegetariano si irriterebbe perché non è stata data anche la ricetta delle zucchine ripiene al formaggio e un vegano griderebbe allo scandalo perché esiste il seitan al forno che è buonissimo e la cultura dominante discrimina le minoranze. Ma la cosa più ridicola è che tutti otterranno ascolto, nessuno avrà il coraggio di dire: mavaffanculo! anzi si sentiranno in imbarazzo, mentre i discriminati potranno esibire la corona del martire, salvo poi comportarsi da arroganti, perché le minoranze hanno sempre e comunque ragione anche quando sproloquiano. Trovo tutto questo ributtante, indicatore di un arretramento culturale che pretende, solo a parole, di rappresentare l'evoluzione della comunicazione, i diritti di tutti, un garantismo tanto esteso quanto fasullo e superfluo, inconsistente ed esistente spesso solo nelle parole, ma che di fatto non rappresenta nulla e nessuno, se non il pretesto per alcune categorie di attaccabrighe per sentirsi in dovere di spargere il loro livore (cosa particolarmente evidente nel web).
Tutti pronti a saltare sul tavolo con le pulci al culo. Di questo passo qualsiasi presa di posizione, espressione genuina di un parere personale o semplice esposizione di un punto di vista, potrà essere tacciata di essere iniqua, offensiva, denigratoria, partigiana, derisoria, fascista, razzista, xenofoba, omofoba, maschilista, e ciò permetterà di poter montare una polemica sulla qualsiasi, intasando ogni discussione e spostando di fatto l'attenzione su altri orizzonti, l'importante è essere inconcludenti; altro che contraddittorio costruttivo. A chi possa giovare tutto questo non saprei, inizio a sospettare una qualche regia, ma mi rimane oscuro il fine, per ora, la caciara da mercato del pesce, pare faccia audience e like sui social: e tanto basta!

7 commentaires:

  1. E' che tristemente, questo si riflette e si evidenzia anche nel quotidiano vivere.
    Penso all'ambiente di lavoro per esempio, dove una buona iniziativa può essere mal vista perchè mette in luce qualcuno e (di conseguenza, secondo menti ottuse) in ombra altri.

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. questa temo sia una peculiarità tipica dell'ambiente pubblico, dove anziché fare squadra molti lavorano in concorrenza, al ribasso ovvio

      Supprimer
    2. Mmmmm.
      Non lavoro nel pubblico...eppure...

      Supprimer
  2. mi hai fatto ricordare gli spettacoli di gaber che ci ha fatto una carriera sul tema conformismo, comportamenti assurdi ecc...

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. già Gaber... non abbiamo imparato nulla; dimostrerebbe la teoria che che l'italiano è indietro di vent'anni rispetto al resto d'europa..

      Supprimer
  3. Ho come la sensazione a tratti di essere della caverna di platonica memoria.

    RépondreSupprimer