dimanche 4 septembre 2016

Oblivion-obliviate-obliviscor


Ci passo raramente, ma non per volontà, per necessità; ma quando ci passo, per quella scala antica, con la balaustra di marmo dal parapetto consumato, penso al mio primo bacio. Lo diedi proprio lì, su quel pianerottolo, pioveva ed eravamo sotto all'ombrello.
Quanti anni avrà questa scala? Almeno quattrocento, dicono fosse la scala che portava al giardino dei marchesi Durazzo, poi aprirono la strada nuova, e divenne pubblica. Fu così che le persone cominciarono a baciarsi percorrendo quei comodi scalini interrotti dal pianerottolo lastricato di pietra; e poi venne la guerra, e quella bomba intelligente che fece crollare il palazzo del marchese, è per questo che il parapetto è scheggiato. Lo vidi nelle vecchie foto, e potrei dire esattamente dove caddero le travi carbonizzate del tetto, come se ci fossi stato. I punti esatti. Così come potrei dire dove posai la mano, quella sera di dicembre, mentre la pioggia scorreva come un ruscello in quelle fenditure. Tutto questo ricordo mentre passo per quella scala, e sento le sue labbra sulle mie, come se attraversassi una ragnatela.

Aucun commentaire:

Enregistrer un commentaire