dimanche 22 mai 2016

Giuro solennemente di non avere buone intenzioni

Mentre cammino per il centro storico, attraversando un vicolo poco frequentato, incrocio Hagrid, lo riconosco subito e lui pare conoscermi perché con tono serio e confidenziale mi informa che devo seguirlo. Raggiungiamo un piccolo bar dall'aspetto polveroso, che non ho mai notato, anche se pare sia lì da almeno una cinquantina di anni, dall'interno tramite una passaporta nascosta nella cabina telefonica, raggiungiamo Hogwarts; lì trovo ad attendermi la McGranitt che mi porta nello studio di Silente. Dopo un breve colloquio ed una serie infinita di raccomandazioni mi viene dato l'incarico, insegnerò Babbanologia agli studenti del terzo e quarto anno.
La cosa è gratificante anche se sono l'unico insegnante babbano della scuola, cosa utile proprio in virtù della materia che insegno.
Durante la fine del primo trimestre, mentre svolgo alcune ricerche nella sezione proibita della biblioteca assisto ad una conversazione tra Silente e Caramell, il ministro della magia. È così che scopro di essere stato vittima di un incantesimo. I miei veri genitori, quando si accorsero che avrei usato i miei poteri magici per scopi malvagi, fecero un incantesimo per impedirmi di usarli, e mi abbandonarono dandomi in adozione ad una famiglia di babbani. La questione che si pone Caramell è: dobbiamo fargli recuperare i poteri ed insegnargli ad utilizzarli per il bene, oppure lasciamo perdere con il rischio che l'incantesimo si schianti e l'indole malvagia prenda il sopravvento?
Silente replica: non sono le nostre capacità che dimostrano chi siamo davvero, sono le nostre scelte.
Arretro cercando l'uscita e nel farlo provoco la caduta di alcuni libri da uno scaffale, cosa che mi fa svegliare.
Ancora una volta mi scopro a fare un sogno collegato al libro che sto leggendo. Mi accade spesso, come quella volta che studiando i ponti in ferro dell'ottocento mi ritrovai a percorrerli uno di seguito all'altro, in rigoroso ordine cronologico, e mentre li stavano costruendo.

5 commentaires:

  1. beh, sulla salerno reggio calabria i ponti li fanno saltare... mi pareva avessero detto che la finiscono a dicembre, ma forse ho inteso male il senso in cui intendono 'finirla'...

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. finirla ... forse intendevano che avrebbero finito i soldi. NOn oso pensare cosa sognerò appena comincio l'ultimo di Larsson ... incubi sicuro!

      Supprimer
  2. Sei troppo divertente, la tua fantasia è una combinazione di surrealtà e vena comica.
    Ciao, Pier.

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. mah... ci sono libri che mi coinvolgono troppo, personalmente lo trovo preoccupante

      Supprimer
  3. c'è di peggio in giro, fidati!
    ;-)

    RépondreSupprimer