dimanche 20 décembre 2015

Programma di lettura autunno-inverno {parte seconda}

[<= seguito]

Capita di rado di annoiarmi da me, mi sono invece accorto che è mi è più facile annoiarmi quando sono in compagnia di certe persone. La questione è recente e dovrò indagarla con attenzione, così mi sono chiesto: cosa è che (mi) rende una persona noiosa? perché a volte penso di essere io quello poco tollerante, così tendo a non dare troppa importanza al sopraggiungere della noia mentre sono in compagnia. mentre cercavo risposte, girellando per la biblioteca, mi sono imbattuto in una vecchia conoscenza, una persona persa di vista e dimenticata, quelli che te li ricordi solo quanto li incontri per caso. Pensavo di cavarmela con un saluto, ma poi mi sono ricordato che è natale, bisogna essere più buoni ed ho aggiunto un: come stai? Giusto per non apparire troppo scorbutico. Mentre discorrevamo mi sono accorto che stavo guardando le copertine dei volumi alle sue spalle, così mi son detto: sta a vedere che mi sto annoiando. Ed in effetti non stavo nemmeno ad ascoltarlo con attenzione, e pensavo … io sto qui a perdere tempo, mentre potrei scorrere tutti questi libri per cercarne uno da leggere, per trovare ispirazione in un titolo, e poi chissà se è rientrato dal prestito La bella estate di Pavese. Certo! potrei proprio leggere splendide pagine anziché star qui ad ascoltare racconti di cui non mi frega un cazzo, di una persona che probabilmente incontrerò tra altri dieci anni. I libri non scappano, ma c'era qualcosa che mi infastidiva nel modo con cui ero trattenuto, mi tiene in ostaggio, ho subito pensato. Questo pensiero mi ha provocato un sentimento di privazione, un abuso del mio tempo, come stessi subendo un danno. Così ho tagliato in fretta la conversazione millantando un appuntamento e mi sono allontanato pensando al guadagno in termini di pagine lette; era dai tempi degli esami che non misuravo il tempo in pagine. Mi sono messo in salvo, con una bugia, decisamente sono un pessimo elemento, ma tutti i misantropi devono evitare di sedurre gli altri con il loro atteggiamento compiacente, altrimenti la loro misantropia rischia di essere compromessa. Poi ho ricominciato a pensare alla noia, ero davvero annoiato? Il Tasso sostiene che la noia è nella natura dell'aria e come l'aria riempie tutti gli spazi, considerazione estrema ma condivisibile, pensando che fu scritta durante la prigionia. Sicuramente non è tra gli scaffali di una biblioteca.

Tasso: Che rimedio potrebbe giovare contro la noia?

Genio: Il sonno, l'oppio, e il dolore. E questo è il più potente di tutti: perché l'uomo mentre patisce, non si annoia per niuna maniera. 

3 commentaires:

  1. Mi ritrovo in pieno in quella sensazione di noia, quando incontro talune persone.
    Vuoi dire che la soluzione sia quella ti tirarmi una picconata sull'alluce? :0D

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. Meglio l'oppio, a quel punto...

      Supprimer
    2. comincerei con un pizzicotto, e una birra :)

      Supprimer